skip to Main Content

SFALT (Trattamento  Laser endovascolare con Scleromousse)

Trattamento laser endovascolare mininvasivo per il trattamento delle Safena in presenza di insufficienza venosa.

La procedura di ablazione endovenosa con Laser e Scleromousse ( o SFALT) è un trattamento sulle vene minimamente invasivo utilizzato per trattare le patologie da reflusso venoso che colpiscono la Grande Safena, la Piccola Safena e altre vene superficiali.

Si effettua mediante l’inserimento di una fibra laser che scaldando la vena ne provoca il collasso e la sua conseguente chiusura.

La Tecnica SFALT (Sclero Foam Assisted Laser Treatement)  è una delle cosidette tecniche IBRIDE, che utilizzano contestualmente due metodiche differenti per ottenere i migliori risultati sfruttando le prerogative specifiche delle varie tecniche utilizzate.

In questo caso si utilizza un laser 1470 nm e iniezione di schiuma (foam) sclerosante.
L’utilizzo delle due tecniche combinate permette un range di utilizzo della potenza laser nettamente inferiore e la riduzione di dimensione della vena da trattare , grazie all’utilizzo della schiuma, tutto questo eliminando la necessita’ della fastidiosa Tumescenza che può causare dolore post-operatorio e comparsa di ematomi e/o ecchimosi lungo il decorso della vena trattata.

Può essere eseguita in un ambulatorio chirurgico con leggera sedazione.

Vnus Closure Fast - Dr Corbellini - Piantedo

S.F.A.L.T.

Fasi della procedura

  • Si esegue il mappaggio delle vene da trattare con ecocolordoppler;
  • Tramite un ago si inserisce nella vena un catetere “introduttore” con all’interno la fibra ottica che emana il raggio laser
  • Si eroga l’energia Laser  che va a chiudere l’inizio della Safena da trattare
  • Si inietta la schiuma sclerosante nel catetere introduttore che crea una vasocostrizione delle pareti venose che fanno collassare la vena intorno al catetere
  • Si eroga il raggio laser che, creando un danno termico,provoca l’occlusione della vena, senza danneggiare però i tessuti circostanti.
  • Terminato l’intervento dopo un’ora di osservazione si viene dimessi.

Vantaggi

  • Intervento mini-invasivo
  • Si esegue nel giro di un’ora e non serve il ricovero in ospedale;
  • Assenza di Tumescenza (anestesia che nel 52% dei casi causa dolore post operatorio o ematomi o ecchimosi);
  • Si cammina subito dopo;
  • Si può riprendere subito la normale attività;
  • L’efficacia di questa procedura è altamente stabile nel tempo.
  • Assenza di dolore post-operatorio;
  • Cicatrici, ematomi o lividi minimi o assenti;
  • Comparato con la chirurgia tradizionale delle safene( Stripping) si hanno risultati uguali ma con una ripresa
  • La percentuale di recidiva a 10 anni è intorno al 2%. E’, quindi, molto inferiore rispetto a quella delle altre tecniche mini-invasive e tradizionali che supera il 10%.
  • molto più rapida e priva di dolore.

Effetti collaterali

  • Possibili piccoli lividi, gonfiore, formicolio sono solo temporanei.
  • Le trombosi venose profonde sono una complicazione molto rara

Domande Frequenti

E’ un intervento doloroso?

Il dolore è molto lieve o assente dopo la procedura.Rispetto al trattamento laser (EVLT) e di Ablazione con Radiofrequenza il dolore è nettamente inferiore se non del tutto assente.

Quanto rapidamente si possono riprendere le normali attività?

Si cammina subito dopo la procedura e le normali attività riprendono entro un giorno. La ripresa è molto più veloce rispetto a quella dopo il trattamento laser e lo strappamento tradizionale.

Quanto rapidamente miglioreranno i sintomi?

Molti pazienti notano un sollievo immediato dei sintomi tra cui dolore,pesantezza e stanchezza alle gambe. I benefici completi si ottengono entro 1-2 settimane.

L’intervento provoca cicatrici, ematomi o tumefazione?

Non si creano cicatrici in quanto la fibra laser viene inserita senza tagli tramite una semplice iniezione.

In cosa si differenzia questo intervento dallo strappamento tradizionale?

Durante lo strappamento si praticano incisioni sull’inguine e sul polpaccio attraverso le quali si fa passare uno strumento nella vena e questa viene estratta dalla gamba. Con il trattamento SFALT si effettua solo una puntura nel punto di inserimento della fibra laser e la vena viene occlusa e lasciata dov’è. Quest’ultima procedura è mininvasiva ed evita il dolore e gli ematomi associati allo strappamento.

E se in futuro dovessi avere bisogno della vena per un intervento di bypass?

Si vanno a trattare solo le vene danneggiate che non sono adatte per l’intervento di bypass.

I chirurghi utilizzeranno altri vasi sani in caso di intervento di bypass.

Back To Top